ΤΑ ΚΕΛΛΙΑ ΤΗΣ ΤΗΝΟΥ

ΤΑ ΚΕΛΛΙΑ ΤΗΣ ΤΗΝΟΥ
Και στα Κελλιά με χρώματα άσπρα και ήλιο μεθούν

giovedì 27 ottobre 2016

Ο Σπυρίδων Μαρινάτος και η επιστροφή από την Ιταλία, το 1948, λεηλατημένων ελληνικών αρχαιοτήτων




Στον δεύτερο παγκόσμιο πόλεμο η χώρα μας λεηλατήθηκε περισσότερο από κάθε άλλη χώρα από τα γερμανικά και ιταλικά στρατεύματα κατοχής.
Πολλές αρχαιότητες και έργα τέχνης που εκλάπησαν τότε δεν επέστρεψαν ποτέ στην Ελλάδα παρά τις διάφορες προσπάθειες του Υπουργείου Εξωτερικών.
Η Συνθήκη Ειρήνης είχε ένα σχετικό άρθρο που προέβλεπε την επιστροφή των αρπαχθεισών αρχαιοτήτων.
Ο καθηγητής Σπ. Μαρινάτος (1901/1974), καθηγητής αρχαιολογίας στο Πανεπιστήμιο Αθηνών καταγόμενος από το Ληξούρι, είχε ανακαλύψει το 1948 στο αυστριακό μουσείο του Γκρατς ελληνικές αρχαιότητες που είχαν κλαπεί από τους Γερμανούς στην Κρήτη. 

Βλέπε σχετική ανακοίνωση της καθηγήτριας κλασσικής αρχαιαολογίας  Όλγας Παλαγγιά, «Ο Σπυρίδων Μαρινάτος και η επιστροφή διαρπαγεισών αρχαιοτήτων από την Αυστρία και την Ιταλία στον Β΄ Παγκόσμιο Πόλεμο», στο επιστημονικό συμπόσιο 22-23 Ιουνίου 2012 του Πανεπιστημίου Αθηνών αφιερωμένο στη ζωή και στη δράση του διάσημου αρχαιολόγου.

Αναφέρεται στην επιστροφή αυτών των αρχαιοτήτων η παρακάτω ανέκδοτη επιστολή του Μαρινάτου στον τότε Πρόξενο της Ελλάδος στη Νάπολη, Διονύσιο Τυπάλδο, επίσης Ληξουριώτη. Την επιστολή αυτή ανακάλυψα πριν λίγες μέρες στα Γενικά Αρχεία του Κράτους της Ιταλίας.

Ρώμη, 24 Ιουλίου 1948
Φίλε Κύριε Τυπάλδε,

Σου γράφομεν η κ. Μαρινάτου και εγώ δια να σας ευχαριστήσωμεν θερμότατα. Η ωραία μας ανάμνησις από την Νεάπολιν οφείλεται πρωτίστως εις την κ. Τυπάλδου και Σας με την αξέχαστον φιλοξενίαν Σας. Ελπίζομεν ότι και τα παιδιά θα επέτυχαν περίφημα στας εξετάσεις. Καλάς προόδους και δια το μέλλον!
Χθες Σας έστειλα συστημένα τα δικαολογητικά του μεγάλου κιβωτίου, το οποίον είμαι βέβαιος ότι είπατε ήδη στον Lorini  να προσέξη ιδιαιτέρως.Πιστεύω ότι καλύτερα είναι να στείλετε τα κιβώτια με το ΄Νέα Ελλάς΄υπό την ατομικήν φροντίδα του πλοιάρχου, διότι πρόκειται περί πολυτίμου περιουσίας του Δημοσίου, δια την οποίαν καλόν είναι να είμεθα μέχρι σχολαστικότητος προσεκτικοί, δια να μην έχωμεν ευθύνας. Μαζί με τους υπαλλήλους του Υπ.Παιδείας θα κατεβώ προς παραλαβήν των, ώστε να έλθω και εις επαφήν με τον πλοίαρχον δια το ζήτημα της παραγγελίας Σας, δι΄ην Σας είμαι τόσον ευγνώμων.
Φεύγω δι΄Αθήνας την Τετάρτην πρωί. Αν θέλετε τίποτε, μένω εις το Ξενοδ. Victoria, τηλ. 45.741 έως 45.744 και 487.240.
Φιλικώτατα Υμέτερος

Σπ. Μαρινάτος

mercoledì 26 ottobre 2016

Nessuno ha il diritto di rivendicare ciò che non gli appartiene.


Francesco De Palo
Giornalista freelance e scrittore
http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/10/24/la-macedonia-e-greca-la-disputa-sul-nome-non-e-ideologica-ma-storica/3118038/

“Nessuno ha il diritto di rivendicare ciò che non gli appartiene. Non si possono evocare eventi storici che non si sono mai verificati rubando la storia altrui”. Così il presidente della Repubblica di Grecia Prokopis Pavlopoulos sulla necessità di difendere l’identità greca della Macedonia e di rispondere ai “falsificatori” della storia, in riferimento alle autorità dell’ex Repubblica jugoslava di Macedonia (Fyrom) che non solo vantano pretese storiche inesistenti, ma si sono anche impossessati dei loghi di Alessandro Magno, per farne vessilli personali.

In occasione delle celebrazioni per il 104esimo anniversario della liberazione della città di Halastra dalle truppe bulgare, Pavlopoulos è intervenuto nuovamente sull’annosa vicenda della disputa del nome tra Grecia e Fyrom. Quest’ultima da sette anni ha ottenuto raccomandazioni e relazioni positive dalla Commissione europea per l’avvio dei negoziati di adesione all’Ue, ma Bruxelles continua a non esprimersi sul tentativo di riscrittura della storia che sta andando in scena a pochi passi dalla Regione greca della Macedonia, nonostante archeologi di chiara fama abbiano lanciato l’allarme sui falsi storici. Qualcuno ha pensato di concedere alla Fyrom un cadeau pur di annetterla a Nato e Ue?

Purtroppo a Skopje nessuno ferma la riscrittura della storia, e nessuno pare abbia letto con attenzione l’appello che duecento scienziati e archeologi hanno rivolto al Presidente americano Barack Obama sul fatto che lì stia andando in scena un’operazione di menzogna. Come osservato dal professor Stephen Miller, docente presso l’Università della California e uno dei più importanti studiosi di archeologia del mondo, la provincia settentrionale della Grecia è stata chiamata Macedonia per circa 3.000 anni, inoltre è noto alla storia che i macedoni erano greci e che, di fatto, Alessandro Magno si considerava un discendente di Achille ed Ercole. E si chiede: “C’è qualche dubbio su questi fatti storici?”.

Aggiunge che non vi era alcuna lingua macedone distinta dal greco, e Alessandro Magno (la cui statua oggi i politici della Fyrom hanno fatto costruire in bella mostra a casa loro, ndr) certamente si è identificato come greco. “E voi pensate che il suo tutore, Aristotele, gli diede lezioni in slavo?”. L’illustre docente in numerose interviste rilasciate nell’ultimo anno ha osservato come la motivazione principale per cui oggi la Fyrom avanzi rivendicazioni storiche strampalate sia di tipo territoriale.

L’obiettivo originale di annessione era finalizzato all’accesso al Mar Egeo – ha detto – ed è ancora oggi alla base della questione. Più difficile da affrontare è la questione dell’identità rubata. La gente pretende un’identità. “La loro è stata rubata, e loro lo sanno, ma non possono rinunciare a Alessandro e sostituirlo con Patraos, uno dei re di Paionia che è una parte del loro vero e proprio patrimonio, ovvero la loro vera identità. Credo che la gente di Skopje abbia bisogno di istruzione”. E sottolinea: “Per motivi di accuratezza storica, si deve comprendere che la Macedonia era ed è greca. Spiacente di andare avanti così ma devo difendere la precisione storica se la mia professione ha un qualche valore. La storia virtuale che la Fyrom sta praticando ci lascia galleggiare senza una bussola”.

La bussola, quindi, non è da ritrovare nel fanatismo ideologico che sta fagocitando gli ingranaggi del vecchio continente ma nel pressapochismo della politica e nella sciatteria di chi ignora la vera guida che si trova alla voce “storia”. Una pacificazione socio-temporale in quel grande fazzoletto che si chiama area balcanica non potrà essere raggiunta, né tantomeno abbozzata, se prima non si purificherà la cattiva politica (e la stampa che gli è asservita) dai germi del caos. Perché, come ha scritto Herbert Sebastian Agar in A time for greatness “la verità che permette agli uomini di essere liberi è in buona misura una verità che gli uomini preferiscono non sentire”.


twitter @FDepalo

lunedì 24 ottobre 2016

I greci di Napoli e della Campania di nuovo alla trasmissione DIASPORA della TV Greca di Stato (ERT3): domenica 30 ottobre, ore 14.00-15.30



Presenta Crysa Samou Mitrengas

Fotografia Kostas Sidiropoulos
Suono Nikos Apostolopoulos
Montaggio Nikos Papanastasiou
Direzione della produzione Themis Mauroperastis
Regia Tania Chatzigeorgiou




Η Ομογένεια της Νάπολης για μια ακόμη φορά, αυτήν την Κυριακή, 30 Οκτωβρίου (15.00 / 16.30 ώρα Ελλάδος), στην εκπομπή ΔΙΑΣΠΟΡΑ της ΕΡΤ3 (δεύτερο μέρος)

ΔΕΛΤΙΟ ΤΥΠΟΥ
Η οικογένεια Τυπάλδου για τη Νάπολη είναι … η ιστορία του ελληνισμού της Νάπολη καθώς για πάνω από έναν αιώνα τα μέλη της έχουν χρηματίσει Πρόξενοι, μέλη της ιστορικής Αδελφότητας των Ελλήνων και της Ελληνικής μας Κοινότητας. 
Η ζωή και το έργο τους, φυλαγμένα στα αρχεία τους, προδίδουν με κάθε λεπτομέρεια όλα στα κοινωνικοπολιτικά συμβαινόμενα στην χώρα μας (απ’ την απελευθέρωση της Κρήτης, τον ελληνο-ιταλικό πόλεμο του ΄40 ως τα γεγονότα της χούντας)
Στο δεύτερο μέρος – αφιέρωμα της εκπομπής ΔΙΑΣΠΟΡΑ, αυτή την Κυριακή 30 Οκτωβρίου στις 15.00΄΄-16.30΄΄μμ, επισκεπτόμαστε το σπίτι της απογόνου Ειρήνης Τυπάλδου, που παρέα με τον σύζυγό της, μας εμπιστεύονται κειμήλια της οικογενείας. Αλληλογραφία, βιβλία, σπάνια αντικείμενα, παράσημα, επίσημες στολές, κατάλογοι γεμάτοι ελληνικά ονόματα, μέρος των οποίων δώρισαν στα αρχεία του κράτους.
Ακόμη, μετακινούμαστε στην «Οδό των Ελλήνων» για να γνωρίσουμε την ιστορία της επαναφοράς του ονόματός της όπως μας την ιστορούν τα μέλη της Αδελφότητας Ελλήνων, τον Σύλλογο Ελληνίδων Γυναικών και τις δράσεις τους,, μετακινούμαστε στο studio 55 για τραγουδήσουμε παρέα με τον ελληνικής καταγωγής Κάρλο Κοντοκαλάκη το διάσημο ναπολετάνικο «καρούζο» αλλά και δικές του επιτυχίες, μιλάμε για την Ελλάδα της καρδιάς του διαπρεπή δικηγόρου – τραγουδοποιού Κώστα Βαρβαρίγου και συναντούμε τον Σύλλογο Ροδίων της Νάπολη για να διαπιστώσουμε πως οι Ιταλοί της Ρόδου και των Δωδεκανήσων που παιδιά την εποχή του πολέμου μετακινήθηκαν πρώτα σε στρατόπεδα προσφύγων στην Ιταλία και αργότερα στη Νάπολη, στιγμή δεν λησμόνησαν την ομορφιά, τη γλώσσα, τα ήθη και τα έθιμα της πατρίδας μας που την αποκαλούν Ελλάδα της καρδιάς τους.
ΤΑΥΤΟΤΗΤΑ ΠΑΡΑΓΩΓΗΣ
ΑΡΧΙΣΥΝΤΑΞΙΑ ΠΑΡΟΥΣΙΑΣΗ Χρύσα Σάμου Μητρέγκα
Εικονολήπτης Κώστας Σιδηρόπουλος
Ηχολήπτης Νίκος Αποστολόπουλος
Μοντάζ Νίκος Παπαναστασίου
Διεύθυνση παραγωγής Θέμης Μαυροπεραστής

Σκηνοθεσία Τάνια Χατζηγεωργίου



domenica 23 ottobre 2016

Η ΕΡΤ3 στη Νάπολη για την Παγκόσμια Ημέρα Ελληνικής Γλώσσας και Ελληνικού Πολιτισμού

ΚΥΡΙΑΚΗ  23/10/2016
15:00Κατάλληλο για όλους
ΔΙΑΣΠΟΡΑ   (E)   
ΨΥΧΑΓΩΓΙΑ

Web TV - LIVE
Η ΕΡΤ3 ταξιδεύει για 13η τηλεοπτική σεζόν με τη «Διασπορά» και συναντά τον απόδημο ελληνισμό σε όλο τον κόσμο, με σειρά νέων επεισοδίων.
Η εκπομπή – προορισμός στων Ελλήνων τις κοινότητες, τις γειτονιές του κόσμου, τις ιστορικές παροικίες, τα μεγάλα κέντρα ελληνισμού, τις αλησμόνητες πατρίδες, στους τόπους άφιξης των Ελλήνων νέο-μεταναστών από την Αμερική έως την Ευρώπη και από την Αυστραλία έως την Αφρική, η μοναδική στο είδος της ομογενειακή παραγωγή της ελληνικής Τηλεόρασης, δίνει και αυτή τη χρονιά βήμα και λόγο στον απόδημο Έλληνα όπου γης, ενώνοντας την φωνή του με το μητροπολιτικό κέντρο, κοινωνώντας τις μέρες, τις δράσεις και τα έργα του, τα προβλήματα και τον προβληματισμό για το μέλλον της ομογένειας, αλλά και της μητέρας πατρίδας. 

Δείτε σήμεραΣτη Νάπολη για την Παγκόσμια Ημέρα Ελληνικής Γλώσσας και Ελληνικού Πολιτισμού

Τη Νάπολη επισκέπτεται η εκπομπή καταγράφοντας σειρά εκδηλώσεων της ομογένειάς μας στην Ιταλία για την καθιέρωση της 20ης Μαϊου ως "Παγκόσμιας Ημέρας Ελληνικής Γλώσσας και Ελληνικού Πολιτισμού". Οι εκδηλώσεις διοργανώθηκαν απ΄ την Ελληνική Κοινότητα Νεαπόλεως και Καμπανίας και τον Δήμο της Νάπολης σε συνεργασία με την Ομοσπονδία Ελληνικών Κοινοτήτωνκαι Αδελφοτήτων της Ιταλίας και την Φιλελληνική Εταιρία Ιταλίας υπό την αιγίδα της ΓΓΑΕ του ΥΠΕΞ, του Ινστιτούτου Φιλοσοφικών Σπουδών της Νάπολης, την Ακαδημία Καλών Τεχνών της Νάπολης και την ΚΕΔΕ. Ελληνικός λογοτεχνικός μαραθώνιος με τη συμμετοχή 11 κλασσικών λυκείων της Ιταλίας και παιδιών του Σχολείου Ελληνικής γλώσσας της Ελληνικής μας Κοινότητας, συζητήσεις στρογγυλής τραπέζης για τη σπουδαιότητα των αρχαίων και νέων ελληνικών παγκοσμίως στον απόηχο των οποίων εκδόθηκε ψήφισμα της αναγνώρισης της Κλασσικής Παιδείας ως άυλη κληρονομιά της ανθρωπότητας και μουσικοθεατρικές παραστάσεις των συγκροτημάτων Ξενιτιά και Evi Evan είναι μόνο μερικοί εκ των σταθμών του πρώτου μέρους της τηλεοπτικής αποτύπωσης του εορτασμού της ελληνοφωνίας στη Νάπολη. 



Σκηνοθέτης: Τάνια Χατζηγεωργίου
Επιμέλεια: Χρύσα Σάμου Μητρέγκα
Μοντάζ: Νίκος Παπαναστασίου
Διεύθυνση παραγωγής: Θέμης Μαυροπεραστής

Παρουσιαστής: Χρύσα Σάμου Μητρέγκα

Luca Ricolfi: l'unico baluardo che resta in piedi sono quegli insegnanti che non hanno rinunciato a spostare l'asticella sempre più in su, per mettere i loro allievi nelle condizioni di affrontare qualsiasi tipo di studio

A PROPOSITO DELL’APPELLO
Liceo classico: no, il problema non è il latino
Il Sole  24ore
16 ottobre 2016

Ebbene, io sono convinto che la vera posta in gioco non sia la sopravvivenza della cultura classica nel nostro Paese. Certo, tutto fa pensare che la nostra epoca sia una sorta di contro-Rinascimento, un tempo in cui il pendolo fra l'ammirazione per i classici e la venerazione delle novità oscilla decisamente a favore di queste ultime. 
E tuttavia a me pare che la ragione vera per cui si vuole (e quasi certamente si riuscirà) abolire la traduzione dal latino e dal greco non sia l'incapacità di apprezzare la cultura classica, o la volontà di promuovere la cultura scientifica, o il desiderio di modernizzare e svecchiare la scuola.
No, la vera ragione è molto più terra-terra: la traduzione dal latino e dal greco, insieme ad alcune parti della matematica (nei casi in cui vengono effettivamente insegnate), è rimasto l'ultimo compito davvero difficile della scuola secondaria superiore. È questo, semplicemente questo, che rende attraenti le tesi degli abolizionisti. È questo che – prima o poi – consentirà loro di imporsi. Perché, non nascondiamocelo, la domanda degli studenti e delle loro famiglie non è di alzare l'asticella, ma di abbassarla sempre più, come in effetti diligentemente facciamo da almeno quattro decenni.È questo, il livello dell'asticella, che fa la differenza fra una buona scuola e una scuola mediocre. 
L'unico baluardo che resta in piedi sono quelle scuole, ma forse sarebbe meglio dire – quegli insegnanti – che non hanno rinunciato a spostare l'asticella sempre più in su, per mettere i loro allievi nelle condizioni di affrontare qualsiasi tipo di studio, umanistico o scientifico che sia. È grazie a queste scuole e a questi insegnanti che all'università, nonostante tutto, arrivano ancora drappelli di studenti in grado di ricevere un'istruzione universitaria, e le materie più complesse non sono ancora state abolite del tutto.
È per questo che sto con la lettera-appello sulla traduzione dal latino e dal greco. Per me quella lettera non difende semplicemente la cultura classica, il latino o il greco. Quell'appello, difendendo l'ultima prova veramente difficile rimasta in piedi nella scuola, difende anche un'idea più generale: che se non vogliamo privare i nostri ragazzi delle capacità di cui prima o poi avranno bisogno, dobbiamo regalargli studi degni di questo nome, e smetterla di proteggerli da ogni sfida che possa metterli davvero alla prova.


http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2016-10-16/il-problema-e-difficolta-non-latino-112506.shtml?uuid=ADC45JdB&refresh_ce=1

Francesco Sabatini: una buona traduzione di un brano latino o greco è una specifica prova di capacità di analisi di un oggetto complesso

Credo anch'io, da linguista e filologo, che una buona traduzione di un brano latino o greco  sia una specifica prova di capacità di analisi di un oggetto complesso.
Francesco Sabatini
(Università Roma Tre, Accademia della Crusca),
Il greco, il latino e il pensiero complesso
(Corriere della Sera, 23 ottobre 2016, p. 29)

venerdì 21 ottobre 2016

Pithecussai, oggi Ischia, accoglie i discendenti dei coloni dall’Eubea

29 secoli dopo l’alba di Pithecussai, oggi Ischia accoglie i discendenti dei coloni dall’Eubea

img_4601
Lo speciale de La Rassegna d’Ischia del 1984

“Benvenuti fratelli nella vostra città, vostra patria”. Trentadue anni fa, fu con queste parole che l’allora sindaco di Calcide, Ghianni Spano, accolse una folta delegazione di ischitani guidata dall’avocato Nino d’Ambra, che come cultore della storia isolana aveva voluto quello storico incontro. Ventotto secoli dopo la partenza dall’isola di Eubea degli uomini che, navigando verso occidente, andarono a colonizzare una lontana isola a cui diedero il nome di Pithecussai. Era il 19 settembre 1984 quando i discendenti di quei greci fondatori di una nuova città e precursori di quella che sarebbe diventata la Magna Grecia incontrarono la cittadinanza di Eubea, la grande isola madre, in cui non tardarono a ravvisare numerose somiglianze e affinità con la loro isola, Ischia. Fu un momento prodigo di emozioni, un’occasione felice di conoscenza, di scambio, di reciproco e fraterno riconoscimento. Al di là dei discorsi ufficiali, dei saluti del Sindaci isolani e delle autorità euboiche, delle formalità di rito, fu un caloroso e affettuoso abbraccio tra fratelli intenzionati, da quel momento, a non ignorarsi più come era accaduto per quasi tremila anni. E infatti gli ischitani invitarono i calcidesi a Ischia, prospettando come occasione l’inaugurazione del Museo archeologico in via di realizzazione, che avrebbe finalmente custodito e coltivato la memoria dell’alba della Magna Grecia a Pithecussai.

Sembrava un appuntamento vicino. Ma per l’apertura del Museo, ben quindici anni più tardi, quell’incontro non si concretizzò. E neppure in seguito, fino ad oggi. Già, finalmente il giorno è arrivato. Stamattina, approderà a Ischia una delegazione greca per rinnovare e dare nuovo slancio al gemellaggio iniziato in quel settembre ’84. E per ricordare tutti insieme quello sbarco, in un giorno imprecisato di un anno ignoto intorno alla metà dell’VIII secolo a.C., che cambiò il destino della nostra isola, la storia del Mediterraneo e la cultura del mondo allora conosciuto. A prendere l’iniziativa per la “rivisitazione, rimembranze e testimonianze di un evento storico” è stato l’IPS TELESE di Ischia, con il Patrocinio morale del CONSOLATO DI GRECIA A NAPOLI.

img_4602
Nino d’Ambra a Calcide
img_4603
La visita degli ischitani in Eubea nell’84

“ALLA RICERCA DELLA MEMORIA PERDUTA…E RITROVATA!” è  il tema di questo nuovo incontro/abbraccio, che ha il valore aggiunto di essere stato promosso e organizzato da un istituto scolastico, dunque con un coinvolgimento pieno e attivo dei giovani a cui viene affidata la preservazione e la trasmissione della memoria, al di là dei doveri di buona ospitalità contingenti, che nessuno meglio dei ragazzi e dell’intero organigramma del “Telese” potrebbe assolvere.

E i ragazzi, con i loro insegnanti, hanno curato nei minimi particolari l’accoglienza da tributare agli specialissimi ospiti di oggi. Che faranno sosta in mattinata presso l’istituto di Fondobosso, dove è previsto un incontro/dibattito introdotto dal dirigente dell’Ips, MARIO SIRONI, mentre il ricordo della visita in Eubea sarà rinfrescato dallo storico NINO D’AMBRA, prima degli interventi dei graditi ospiti ellenici. Che così potranno iniziare a conoscere la terra prescelta dai loro (e nostri) antenati di Calcide ed Eretria per fondare anche  nel Mediterraneo occidentale, così come avevano già fatto sulla sponda orientale, un nuovo centro di riferimento per gli intensi scambi con le popolazioni italiche. Oltre che un avamposto per la conquista di nuovi territori sulla penisola al di là del mare, per rafforzarvi la presenza e l’influenza euboiche anticipando la colonizzazione di gruppi provenienti da altre regioni dell’Ellade.

img_4605
Il resoconto della visita sul quotidiano di Eubea

Che ad aprire la lunga stagione della seconda colonizzazione di popolazioni greche in Occidente siano stati gli abitanti di Eubea, che a quell’epoca si distinguevano come i più valenti marinai e i più intraprendenti commercianti di stirpe greca nel Mediterraneo, fece una grande differenza, perchè consentì di trasmettere alle popolazioni indigene uno straordinario patrimonio di conoscenze agricole (l’allevamento della vite alla maniera greca e la coltivazione dell’ulivo), tecniche (la lavorazione dei metalli e della terracotta) e culturali (l’alfabeto fenicio adattato dagli euboici alla loro lingua), in grado di produrre un enorme progresso per i contemporanei che di quelle nozioni furono destinatari e beneficiari.  Un contributo che è diventato parte integrante e fondativa della civiltà occidentale, di cui la radice più profonda fu piantata proprio a Ischia. E ventinove secoli dopo, l’isola ricorda e rende omaggio agli artefici del suo straordinario passato.

Ischitani e euboici: la memoria ritrovata.

Grazie all’evento dell’IPS Telese, ischitani e euboici si sono ritrovati nel nome della storia

Isabella Marino

img_4621
Foto Qui Ischia
img_4612
Foto Qui Ischia













Il filo è stato riannodato. Dopo trentadue anni dall’unico incontro dei tempi moderni, i contatti tra la nostra isola e le città di Calcide ed Eretria, da cui partirono i fondatori di Pithecussai, sono ripresi ufficialmente grazie all’iniziativa dell’IPS Telese, che ha voluto ricordare oggi lo storico viaggio di un folto gruppo di ischitani sull’isola madre di Eubea nel settembre del 1984. E oggi come allora si è trattato di un momento di riappropriazione  di un’identità comune che il trascorrere del tempo non aveva mai cancellato. E che si è mostrata ancora viva, nelle parole di chi ha partecipato a questo evento, nelle emozioni che ha suscitato, come negli usi e tradizioni anche gastronomici che i ragazzi dell’istituto di Fondobosso hanno riconosciuto e approfondito nella lunga e intensa fase di preparazione della manifestazione odierna. Questa, come già era accaduto nel 1984 con il resoconto  dell’entusiasmante incontro degli ischitani con gli euboici, è protagonista di un altro numero speciale appositamente pubblicato della RASSEGNA D’ISCHIA di RAFFAELE CASTAGNA, con ampio corredo di foto,  che resta testimonianza viva di questo intreccio di relazioni tra due comunità così vicine, nonostante le distanze geografiche.

img_4613
Foto Qui Ischia
img_4606
Foto Qui Ischia

E’ stata una mattinata dedicata all’accoglienza, quella dedicata ALLA RICERCA DELLA MEMORIA PERDUTA…E RITROVATA! dall’IPS “Telese”. Un’accoglienza che stavolta non è stata solo oggetto di studio e di prove pratiche come capita ogni giorno, bensì vissuta con il calore e l’ intensità con cui si aprono le porte di casa a ospiti graditi a cui si riservano tutte le attenzioni. Lo stesso clima che gli ischitani avevano trovato in quel lontano 19  settembre 1984, appena sbarcati sulla grande isola nell’Egeo dove avevano voluto recarsi per vedere da vicino la terra d’origine dei primi coloni greci di Pithecussai. Di quel gruppo di circa cinquanta ischitani, in tanti hanno  presenziato all’evento del “Telese”, insieme ad alcuni rappresentanti istituzionali dell’epoca, a esponenti del mondo della scuola, di associazione e della società civile della nostra isola.

img_4608
Foto Qui Ischia

Dovevano essere  a Ischia anche loro, i sindaci di Calcide ed Eretria, per rinnovare il rapporto con gli ischitani interrotto di nuovo dopo quell’indimenticabile riunione di fine estate ’84. Ma un’importante assemblea dei sindaci dei Comuni greci (per discutere un’ulteriore fase di accorpamenti e tagli per ridurre il numero di  Comuni) li  ha tenuti lontani da Ischia, nonostante il viaggio già programmato. In loro vece,  e in rappresentanza del Consolato Onorario di Grecia a Napoli, è venuto a Ischia  l’avvocato KONSTANTINOS MIKHOS, della comunità greca in Campania, l’organizzazione di cui sono membri anche i greci residenti a Ischia, presenti anche loro all’appuntamento all’Alberghiero.

In assenza del dirigente Mario Sironi, chiamato all’improvviso a Napoli da impegni istituzionali, a fare gli onori di casa è stato il professor ANTONIO SCHIAZZANO, coordinatore del progetto dell’evento, di  cui ha illustrato la genesi nell’ultimo anno. Ha voluto sottolineare il valore e la forza della memoria, Schiazzano, nella sua introduzione davanti ad una numerosa e interessata platea. A cui si sono rivolti i sei studenti, incaricati di leggere i messaggi inviati nell’84 dai Sindaci ischitani ai loro colleghi euboici.  Schiazzano ha poi letto il saluto lasciato dal preside Sironi, che ha voluto mettere in evidenza come le radici della civiltà europea affondino nell’emigrazione dei greci verso Occidente, in cui Ischia ebbe un ruolo decisivo, auspicando una riflessione collettiva sui fenomeni migratori ancora attuali tra le diverse sponde del Mediterraneo.

img_4609
Foto Qui Ischia

“Il caso ha voluto che io sia originario proprio di Eubea, un vero “evoìs”, cittadino di Eretria”,  così ha esordito l’avvocato Mikhos, che ha voluto rievocare, facendole proprie, le parole pronunciate dall’allora sindaco di Calcide nell’accogliere gli ischitani: “Benvenuti fratelli nella vostra città, vostra patria”. Mikhos si è fatto latore dei calorosi messaggi di amicizia inviati per l’occasione da Eubea, oggi Evia. Il sindaco di Calcide, CHRISTOS PAGONIS, ha ringraziato e sottolineato l’importanza culturale e la fratellanza “tra le due patrie”, unitamente alla speranza di un rapporto più solido tra Ischia e la sua città. Lo stesso auspicio è stato formulato dalla sindaca di Eretria, AMFITRITI ALIBATE, che ha auspicato legami più stretti tra le due isole e i Comuni ischitani con il suo, senza trascurare da insegnante il valore di un gemellaggio anche tra scuole.

L’evento di questa mattina è stato salutato con piacere e condivisione da MARCO GALDI, presidente della Società Filoellenica che, oltre alle tante iniziative promosse a Napoli per diffondere lo studio della lingua greca moderna e valorizzare i segni della presenza greca in città, ha di recente organizzato due giornate di studio su Pithecussai, di cui una vissuta a Ischia con il coinvolgimento dei ragazzi del Liceo.

“Sono orgoglioso e commosso per questo momento – ha affermato Mikhos – La memoria non è mai andata perduta, c’è e ci sarà sempre” e si è detto poi disponibile a facilitare i contatti diretti tra Ischia e le amministrazioni di Eubea per approfondire il rapporto appena iniziato.

img_4610
Foto Qui Ischia

Di impegno comune per coltivare l’identità comune ha scritto il console a Napoli ALEXANDROS TOMASOS, che ha sollevato il tema della gestione del patrimonio culturale come stimolo per il turismo e l’economia collegata, evidenziando l’importanza di avviare un percorso comune di consapevolezza della comune eredità storica. Auspicio che potrebbe concretizzarsi nel prossimo futuro, giacchè l’assessora alla Cultura di Lacco Ameno, CECILIA PROTA, ha annunciato la volontà del Comune del Fungo di stringere un gemellaggio con i Comuni di Eubea,

A ricordare le emozioni profonde del viaggio in Eubea, il primo degli ischitani dopo ventinove secoli, è stato lo storico NINO D’AMBRA che con la moglie GEMMA aveva ideato e organizzato l’incontro di Calcide dell’84, presente anche una rappresentanza statale con il prefetto dell’isola: “Abbiamo ricevuto un’accoglienza straordinaria fin dal benvenuto che ci hanno dato sul ponte Euripo”, raccontando poi alcuni tra gli aspetti di Eubea che lo avevano maggiormente colpito.

img_4617
Foto Qui Ischia
img_4616
Foto Qui Ischia

Dopo il convegno/rievocazione, l’accoglienza del “Telese” ha proposto un buffet appositamente studiato di piatti che si collegano alle TRADIZIONI ENOGASTRONOMICHE più antiche, ma anche ad alcuni usi tuttora presenti nella cucina ischitana: le uova rosse, per esempio, simbolo di “xenia”, l’ospitalità secondo gli antichi greci, e poi le “Pagnotte di Demetra”, lo “Spezzatino alla Penteo”, il “Bollito miceneo”, le “Frittelle di Rodi” e il “Ciceone”, la bevanda citata nell’Iliade, che racconta della sua preparazione ad opera di Ecamede la schiava di Nestore, il re di Pilo citato dall’anonimo poeta pithecusano che incise dei versi su una coppa rodia in stile geometrico, la cosiddetta “Coppa di Nestore” che il più importante e famoso di Pithecussai, custodito nel Museo di Villa Arbusto. E proprio lì, al Museo, tra gli oggetti di uso comune nelle cucine pithecusane, era iniziato l’itinerario degli studenti del “Telese” con la consulenza storica dell’archeologa MARIANGELA CATUOGNO che ha portato ad elaborare le ricette del “pranzo greco” offerto oggi.

Un’altra bella prova della scuola isolana, l’incontro odierno, che partendo dal passato è tutto proiettato al futuro. Ed esalta i valori di cultura fondativi della civiltà occidentale e dell’Europa. Un’Europa viva. Di ponti, di scambi, di gemellaggi. Com’è tra Ischia e l’Eubea, da ventinove secoli.



http://www.ischiamondoblog.com/blog/2016/10/20/incontro-fra-greci-euboici-ed-ischitani-promosso-dal-centro-di-ricerche-storiche-d-ambra-di-forio-levento-storico-culturale-ha-avuto-luogo-nella-sala-congressi-dell-istituto-professionale-albe/

mercoledì 19 ottobre 2016

Istantanee della Maratona Letteraria Greca degli alunni dei Licei Classici, nella Basilica di San Giovanni Maggiore, per la prima Giornata Mondiale della Lingua e della Cultura Greca (Napoli, 20 maggio 2016). Στιγμιότυπα του Ελληνικού Λογοτεχνικού Μαραθώνιου των μαθητών των Κλασσικών Λυκείων στη Βασιλική San Giovanni Maggiore, στα πλαίσια της πρώτης Παγκόσμιας Ημέρας της Ελληνικής Γλώσσας και του Ελληνικού Πολιτισμού (Νάπολη, 20 Μαΐου 2016)

Φωτογραφικό Ρεπορτάζ της Blanca Taglialatela
Reportage fotografico di Blanca Taglialatela




La maratona è una specialità dell'atletica leggera.
La maratona letteraria è una specialità dei licei classici.
La cultura viaggia, viaggia sempre.
Non ha confini, non accetta le barriere!
L'Italia e la Grecia hanno una storia comune, condividono la stessa cultura da millenni.
Νενικήκαμεν.
Si, ragazzi abbiamo vinto una bellissima battaglia. 
Abbiamo festeggiato per primi la prima giornata della  Lingua e della Cultura Ellenica qui a Napoli, la città più greca in assoluto, la più antica città greca della diaspora, città custode della cultura ellenica da millenni.
Devo dire anche che l’evento più importante e significativo di questa giornata è stata proprio la vostra Maratona.
Sono grato ai vostri presidi e ai vostri professori che mi hanno incoraggiato non solo a organizzare questa prima edizione della maratona ma mi hanno anche suggerito di consacrarla come iniziativa da ripetersi ogni anno coinvolgendo tutti i licei classici d’Italia. 
L’idea mi piace e ci mettiamo subito, qui a Napoli, a lavorare per definire il format.
Voglio ringraziare soprattutto voi ragazzi per il vostro entusiasmo, per il vostro impegno, per la vostra bravura.
Vi ringrazio perché amate la mia lingua.
Nell'antica Grecia l'emeròdromo era un portatore di messaggi tra una città e l’altra.
Voi ragazzi dei licei classici oggi state portando un messaggio molto importante che vi ha consegnato Umberto Eco: "coloro che hanno seguito buoni studi classici sono maggiormente aperti all'ideazione e all'intuizione di come andranno le cose in futuro”.
Sono sicuro, cari ragazzi, che sarete in grado di costruire un futuro nettamente migliore di quel nostro presente.
Già Νενικήκατε!!!


Όσο θα υπάρχουν νέες γενιές τόσο χρήσιμη θα είναι η κλασσική παιδεία! 

Όσο θα υπάρχουν παιδιά σαν κι αυτά τόσο χρήσιμη θα είναι η κλασσική παιδεία, η παιδεία της Ελλάδος, η παιδεία της Ευρώπης!